Video Interactive Experiences
 ·   · 5 posts
  •  · 18 members
  •  · 22 friends

Buongiorno Italia IN digitale!

La situazione sanitaria continua ad essere seria e in continua evoluzione.

I riscontri statistici indicano che il fenomeno non si stia fermando ma stia proseguendo con un trend di crescita esponenziale, fatto che indica come il tempo necessario per la sua soluzione risulti ancora lungo.

Condivido con voi una riflessione operativa, figlia dell'esperienza di quarantena passata in Cina (ancora non del tutto finita): cosa fare durante questa fase di emergenza?

La risposta è: si può fare tanto IN digitale!

Per prima cosa per rispondere alla paura e ansia dell'isolamento che questa situazione finisce per provocare ai singoli, famiglie, aziende.

Pensiamo agli anziani, costretti a rimanere isolati, per lo più spaventati dall'essere il target a rischio primario di questa emergenza.

Una prima azione può quindi essere quella di "adottare un anziano IN digitale".

Un affiancamento a distanza, con il quale consentirgli di avere l'assistenza necessaria possibile IN digitale quale il fargli la spesa online, un supporto per l'accesso alla telemedicina ma soprattutto non farlo sentire solo, paralizzato come se fosse in un bunker isolato dal mondo.

Pensiamo agli imprenditori dei piccoli negozi di prossimità e ristorazione.

Vanno aiutati IN digitale, facendo in modo di coinvolgerli IN digitale nel processo di preparazione, acquisto e delivery ed ultimo miglio del proprio vicinato, qualcosa di necessario e che può essere nelle aree rosse messo a disposizione della stessa protezione civile ed autorità, per alleviare l'impossibilità di accedere ai supermercati delle zone limitrofe, in quanto tra loro isolate.

Pensiamo agli imprenditori delle aziende di produzione.

Vanno sostenuti IN digitale per consentire di non perdere le opportunità di business delle scorte esistenti e quando in grado di produrre, di mantenere attivi i canali commerciali attraverso nuove esperienze distributive IN digitale, sia nazionali che Internazionali.

Pensiamo agli imprenditori dei negozi

Vanno aiutati IN digitale, tenendo viva la possibilità di vendere direttamente dal proprio negozio aprendo live in digitale, per teleacquisti ed invio via corriere, così come continuare a gestire il rapporto con i propri clienti. Una possibilità per aprirsi anche ai mercati internazionali e promuoversi in maniera più efficace, in vista di un ritorno alla normalità, potendo in futuro poter contare su una opzione in più di prima grazie a questa emergenza.

Pensiamo agli imprenditori del turismo nazionale

Vanno aiutati IN digitale, tenendo viva l'immagine del sogno e valore che ci caratterizza come paese e aiutarli a mantenere il contatto con il target turista anche in questo momento difficile, affinché, finita questa fase di emergenza, possa ripartire più forte di prima.

Pensiamo agli imprenditori già IN digitale

Vanno aiutati a creare squadra, per assieme permettere ai loro servizi e piattaforme di diventare un asset condiviso paese con cui sostenere la decrescita di altri settori offline più colpiti da questa emergenza.

Pensiamo ad una società IN digitale più sicura

A partire dall'uso dei pagamenti IN digitale, evitando l'uso delle banconote e monetine che è stato dimostrato possono essere possibili veicoli di contagio.

Si può e si deve. Così da utilizzare questa emergenza per fare un salto nel futuro e riallinearci ad altri paesi più evoluti su questo fronte.

L'impatto positivo dell'uso dei pagamenti in digitale si avrebbe anche sulla nostra miniera per ora bloccata: il Turismo.

Pensate il titolo d'effetto "Pagamenti paese Coronavirus Free" in un Taxi, negozio, hotel, esperienza paese, da offrire ai turisti che nei prossimi mesi e temo anni, saranno comunque preoccupati di poter ancora essere contagiati con un semplice pagamento durante il loro viaggio in Italia.

Si può fare tanto IN digitale.

La porta è aperta a chi vuole condividere questa missione IN digitale nei mezzi e strumenti a sua disposizione.

I pezzi ci sono tutti per provare a realizzare quanto sopra, per cui per prima cosa bisogna favorire inizialmente un coordinamento dell'esistente e realizzare i pezzi non disponibili.

Da parte nostra siccome Facebook non è il luogo adatto per l'azione operativa, quale luogo di progettazione e coordinamento progettuale rendiamo disponibile l'Open academy WECO http://wecoalliance.net, dove sia possibile montare tutti assieme le attività- progetti IN digitale con respiro internazionale e il coinvolgimento trasversale delle aziende e capitali, in una virtuosa cooperazione West/East anche simbolicamente importante data la grandezza e l'impatto di quanto sta accadendo.

Per le azioni operative O2O abbiamo spostato sull'Italia Yiducity, l'open ecosystem digitale che come una sorta di astronave consente di realizzare da subito azioni IN digitale di contrastato e sviluppare incisive attività promo-vendita O2O IN digitale.

Il gruppo IN digitale su Facebook e Linkedin sono stati attivati come una sorta di bacheca progetto e per tenere i contatti tra noi e rapide comunicazioni.

Non importa se poi saremo tanti o pochi sul Gruppo di Facebook e Linkedin.

Speriamo di essere copiati da molti, proprio come il virus che dobbiamo combattere, affinché si inizi una fase IN digital paese con cui reagire attivamente e con cui recuperare positività ed ottimismo nei singoli e nel futuro del paese, a partire da questa situazione difficile

0 0 0 0 0 0
  • 471
Comments (0)
Info
Category:
Created:
Updated: